· 

Facebook criptovaluta: progetti in rialzo per 2018? [Attenzione]

facebook criptovaluta progetti per il 2018

Non si diventa una delle aziende più potenti del mondo rimanendo indietro, questo pensa Facebook criptovalute nel 2018.

 

Facebook ha notato che la blockchain esiste ed è un fatto diventato comune.

 

Tencent, il gigante cinese di Internet dietro QQ e WeChat, ha stretto una partnership con Intel e ha dettagliato i loro piani per la blockchain. Stanno prendendo provvedimenti e ora possiamo aspettarci che Facebook prenda anche lui una posizione.

 

Il CEO e fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha pubblicato un post su Facebook il 4 gennaio 2018, delineando i suoi obiettivi personali per il 2018. In cima alla lista c'erano i problemi relativi all'uso scorretto di Facebook da parte di molte persone.

 

Ha parlato anche delle criptovalute:

 

"Ad esempio, una delle domande più interessanti della tecnologia in questo momento riguarda la centralizzazione rispetto al decentramento. Molti di noi entrano nella tecnologia perché crediamo che possa essere una forza decentralizzante che mette più potere nelle mani delle persone. (Le prime quattro parole della missione di Facebook sono sempre state "dare alle persone il potere").

 

Negli anni '90 e 2000, la maggior parte delle persone credeva che la tecnologia sarebbe stata una forza decentrata. Ma oggi molte persone hanno perso la fiducia in questa promessa. Con l'ascesa di un piccolo numero di grandi aziende tecnologiche - e i governi che usano la tecnologia per guardare i loro cittadini - molte persone ora credono che la tecnologia centralizzi il potere anziché decentralizzarlo.

 

Ci sono importanti contro-tendenze a questo - come le criptovalute - che prendono il potere dai sistemi centralizzati e lo rimettono nelle mani delle persone. Ma vengono con il rischio di essere più difficili da controllare. Mi interessa approfondire e studiare gli aspetti positivi e negativi di queste tecnologie e il modo migliore di usarle nei nostri servizi.

 

Questo sarà un anno serio di auto-miglioramento e non vedo l'ora di imparare dal lavoro per risolvere insieme i nostri problemi."

 

 

Se Facebook decide di essere coinvolto, come faranno a farlo?

 

Guardare il track record di Facebook può fornire alcune informazioni. Non farti fregare dalla notizia che Facebook ha vietato la pubblicità delle ICO e delle criptovalute!

 

Questa è una mossa diretta che Fb ha voluto fare per farsi una strada propria e guadagnare spazio nel mercato emergente delle criptovalute. 

 

Tutte le ICO sono delle truffe? Cos'è l'Open Trading Network >>

 

 

Facebook criptovaluta: A FB piace farsi strada nella nuova tecnologia

Storicamente, Facebook ha trovato il successo facendo acquisizioni strategiche. Spende qualcosa come decine di miliardi per acquisire più di 50 startup e avviare le aree chiave della piattaforma Facebook.

 

Questo comportamento risale al 2009, quando hanno acquistato Friendfeed per migliorare i loro feed aggregati. E sta continuando ancora oggi, con la recente acquisizione di Ozlo per costruire il suo prodotto di intelligenza artificiale. Hanno anche una storia di successo nell'acquisto di prodotti per missili spaziali che lavorano insieme a Facebook e si espandono in nuovi mercati.

 

Alcuni esempi che nessuno dimenticherà sono Instagram, Whatsapp e Oculus Rift. La domanda da un milione di dollari diventa allora la seguente: quali aziende acquisiranno nel 2018 e quando faranno il loro debutto nel mercato delle criptovalute?

 

Abbiamo analizzato 50 criptomonete già sul mercato per creare una lista interessante. Questo è il tema di Facebook criptovaluta.

 

Qui ci sono 3 aree e acquisizioni che Facebook potrebbe prendere in considerazione.

 

 

1. Identità finanziaria con Bloom

Fin dall'inizio, Facebook ti ha aiutato a evidenziare socialmente la tua identità online. Dai contenuti che condividi ai pulsanti "accedi con Facebook" sparsi su Internet - In buona sostanza Facebook sei tu, con la tua faccia e la tua vita in Internet!

 

In effetti, la forza di Facebook come identità verificata è una delle cose che ha portato al successo di Tinder, un'app di appuntamenti, che richiedeva l'accesso degli utenti tramite Facebook. Essendo legato a Facebook, mostrava che si trattava di "persone reali" e non di persone che si spacciavano per falsi individui o criminali.

 

Con blockchain, Facebook potrebbe ampliare la portata della tua identità online per includere anche delle aree finanziarie. Ciò introdurrebbe nuove opportunità per Facebook e i servizi che offrono. Un'acquisizione chiave per questo potrebbe essere Bloom (BLT). Bloom è stata creata dagli ingegneri di Stanford e ha lanciato il suo ICO a dicembre del 2017.

 

Bloom attesta l'identità (dimostrando che sei tu stesso), segnalando e monitorando gli obblighi di debito e emettendo punteggi di credito. Aiutano anche le persone a far crescere i loro punteggi di credito utilizzando la carta di credito Bloom.

 

Ciò potrebbe consentire a Facebook di spingere nel settore finanziario. Potrebbero iniziare a emettere carte di credito e fare una sorta di attestazione di identità e il punteggio di credito che negli Stati Uniti è molto importante e si chiama "Credit Score".

 

Il risultato: più dati finanziari dell'utente (che gli inserzionisti adoreranno) e nuovi modi per fare soldi. Inoltre, renderebbe ulteriormente Facebook parte integrante e irremovibile delle nostre vite. In futuro, quando hai una carta di credito di Facebook, un conto in banca e un contratto di noleggio di un'automobile, potresti trovarti in una situazione in cui "potrai smettere di usare Facebook ... non appena finirai di ripagare il tuo mutuo"...

 

Approfondimenti: vuoi investire in azioni Facebook? Scopri come con Trade.com le opinioni >>

 

 

 

 

2. Far pagare i contenuti agli utenti con Steem

Facebook potrebbe pagare gli utenti per il loro contenuto. Con il successo di piattaforme come YouTube, Twitch e Medium che offrono incentivi monetari ai loro migliori scrittori di contenuti, è sorprendente che i creatori di Facebook guadagnino ancora solo soldi al di fuori dell'ecosistema di Facebook. Altre aziende potrebbero essere interessate a questi sistemi, ma Facebook ha dimostrato che capovolgerà il loro modello di business in testa se necessario.

 

Un recente esempio di questo è il loro passaggio al video. È venuto fuori che meno persone stanno scorrendo il feed e guardano invece contenuti video più lunghi, significa margini più bassi e meno entrate per utente.

 

Zuckerberg ha spiegato all'inizio del 2017 che, "La struttura dei margini sarà diversa, [video] quasi certamente sarà una fonte di entrate con margini più bassi rispetto a quello che facciamo attualmente".

 

Potrebbe essere un cambiamento importante nel loro modello di core business che è essenziale per tenere il passo di ciò che chiede l'utente finale di FB. Un'acquisizione strategica su questo fronte è Steem (SMT). Steem è una piattaforma per premiare gli editori e consentire loro di monetizzare i loro contenuti.

 

La prima applicazione principale creata utilizzando Steem è stata Steemit, un social network simile a quello del blog. Su Steemit, gli utenti possono ricevere denaro invece di upvotes e fino ad ora, oltre 22 milioni di dollari sono stati distribuiti agli editori. Acquisire Steem sarebbe una mossa enorme per Facebook. A prima vista, potevano aggiungere un pulsante "super like".

 

Ora quando vedi contenuti che ti piacciono, invece di fare solo "like", puoi far loro sapere che ti interessa. O fare una donazione. È come se il tuo amico si sposasse o avesse un bambino - puoi mandare qualche euro a modo tuo solo per dire "congratulazioni" con i palloncini (altra trovata divertente su FB)!

 

Il passaggio 2 è il più interessante. Ora gli utenti hanno "soldi" salvati sui loro account. Facebook ha già dei mercati in cui gli utenti possono acquistare / vendere prodotti. Con i token, ora gli utenti possono facilmente acquistare i prodotti direttamente all'interno di Facebook.

 

Con i prodotti a portata di click, Facebook potrebbe rubare quote di mercato a Amazon e diventare il posto più conveniente per fare acquisti online!

 

Questa è una sfida però, ATTENZIONE. Dal momento che Steem è una comunità open source, Facebook non può semplicemente acquistarla nel senso tradizionale.

 

Potrebbero, tuttavia, "adottare" la sua comunità - assicurando che lei risorse inserite nella comunità siano controllate da Facebook. Questa mossa metterebbe Facebook sulla prima linea della blockchain, migliorerebbe i contenuti generati dagli utenti e darebbe loro l'influenza su altri siti Web basati sui contenuti.

 

 

 

 

3. Aumentare la fiducia e la trasparenza con MetaX

Facebook ha avuto un momento davvero difficile con per quanto riguarda la parola "fiducia" nel 2017. Zuckerberg ha anche detto che è il suo obiettivo per il 2018. Non so se ti ricordi quello che è successo sul caso Russia nelle elezioni presidenziali americane dove si dice che moltissime pubblicità su Facebook siano state pilotate dai russi per muovere l'elettorato americano.

 

Facebook sta cercando di riparare tale fiducia con: Aumento dei requisiti di autenticità Rendere la pubblicità più trasparente L'aspetto interessante è che la blockchain è spesso celebrata per aver risolto questo tipo di problemi. Una società che potrebbe essere in grado di dare una mano su questo aspetto è MetaX (ADT).

 

MetaX è un'azienda che utilizza la blockchain per aumentare la trasparenza ed esporre le frodi nel settore pubblicitario. Sono basati a Los Angeles e hanno collaborazioni con Consensys e DMA (Data & Marketing Association). Il loro prodotto funziona con i domini di whitelisting, ma questo processo potrebbe essere utilizzato al contrario per l'applicazione di Facebook. Inoltre, MetaX è in grado di risolvere i problemi relativi al tracciamento delle impressioni.

 

Ciò significa meno notizie false (meno fake news), meno raggiri, meno robot, e hai un'idea migliore di quali informazioni invia Facebook agli inserzionisti. Sembra funzionare no?

 

Approfondimenti: cosa sono le criptovalute in parole semplici? >>

 

 

 

 

Facebook criptovaluta si o no? Nel mentre dice no alle pubblicità su ICO e criptovalute

Mark Zuckerberg vuole combattere le truffe e soprattutto le fake news sia nella ricerca organica dei post e soprattutto nel settore che possono direttamente controllare: la pubblicità a pagamento.

 

Nel mercato della dark economy, cioè dei criminali e delle truffe, ci sono anche le ICO, nuovo modo per raccogliere soldi, non si sa per cosa e spesso raggirando i poveri risparmiatori. Nella nuova policy riguardante la pubblicità, resa nota il 30 gennaio 2018 si legge:

 

“Sono vietati i prodotti e i servizi finanziari che sono frequentemente associati a pratiche promozionali ingannevoli, come ICOs e criptovalute”.

 

Di certo i leader di Facebook, hanno visto l’inarrestabile crescita del mercato del Bitcoin, Ethereum e delle criptovalute e hanno voluto mettere un freno alle pubblicità ingannevoli che spiacciano programmi di raccolta di soldi per criptovalute che in realtà non sono legate a questo mercato emergente.

 

Come riportato da molti giornali online, sono vietate anche le pubblicità di strumenti, programmi e attrezzature per il mining di criptovalute, oltre che ai portafogli e wallet di criptomonete.

 

Rob Leathern, direttore di FB, ha detto però che questa scelta di vietare la pubblicità sulle criptovalute non preclude la possibilità riproporle in futuro. Facebook ha deciso solo per adesso di attenuare il fenomeno.

 

“Ci sono molte aziende oggi che pubblicizzano ICOs e criptovaluta non in buona fede […] Vogliamo che le persone continuino a scoprire e conoscere nuovi prodotti e servizi attraverso le pubblicità di Facebook senza temere truffe o inganni”.

 

Ha scritto proprio Leathern in un blog post pubblicato sulla piattaforma. Che sia un messaggio diretto per dire che Facebook vuole essere protagonista indiscusso di una Facebook criptovaluta a breve?

 

Approfondimenti: quali piattaforme sono affidabili per comprare criptovalute oggi? >>

 

 

 

 

Conclusioni su Facebook criptovaluta

Blockchain è una tecnologia eccitante con il potenziale per risolvere problemi che in precedenza erano molto difficili solo da pensare. È probabile che Facebook lo utilizzerà in qualche modo, ma è difficile prevedere esattamente come lo faranno.

 

Potrebbero usare blockchain per migliorare aree come la fiducia e la generazione di contenuti per la loro piattaforma esistente, oppure potrebbero usarle per espandersi in nuovi mercati e consolidare la loro presa di ferro nella vita di tutti.

 

Sta di fatto che speculazione o no, le criptovalute staranno con noi ancora per molto e di certo ci sarà un po' di pulizia tra le ICO truffa e le criptomonete che non sono tali come Onecoin e Ducatus, solo per fare alcuni riferimenti.

 

Cosa ne pensi?

 

Scrivi sotto nei commenti.

 

 

 

 

Reviews System WIDGET PACK