· 

Internet delle cose (IoT) Internet of Things cos'è come funziona

internet delle cose cos'è significato come funziona in italiano

In questa guida parleremo di cosa significa l'internet delle cose o internet of things IoT in italiano e in modo semplice.

 

L'Internet of Things, o IoT, fa riferimento a miliardi di dispositivi fisici in tutto il mondo che ora sono connessi a Internet, raccogliendo e condividendo dati. Grazie a processori economici e reti wireless, è possibile trasformare qualsiasi cosa, anche un aereo o una macchina, in una parte dell'IoT.

 

Ciò aggiunge un livello di intelligenza digitale ai dispositivi che altrimenti sarebbero stupidi, consentendo loro di comunicare senza l'intervento di un essere umano e unendo il mondo digitale e quello fisico.

 

 

 

 

Qual è un esempio di un dispositivo di internet delle cose o Internet of Things?

Una lampadina che può essere accesa utilizzando un'app per smartphone è un dispositivo IoT, così come un sensore di movimento o un termostato intelligente nel tuo ufficio o la famosa luce multicolore che può essere comandata in modo automatico dal famoso servizio IFTTT.com. 

 

Un dispositivo IoT o internet delle cose potrebbe essere un giocattolo per bambini o un camion senza conducente, o complicato come un motore a reazione che ora è pieno di migliaia di sensori che raccolgono e trasmettono dati. Per non parlare dei progetti di città intelligenti che stanno riempiendo intere regioni con sensori per aiutarci a capire e controllare l'ambiente.

 

Il termine "IoT" viene utilizzato principalmente per dispositivi che di solito non dovrebbero avere una connessione Internet, in grado di comunicare con la rete indipendentemente dall'azione umana. 

Per questo motivo, un PC non è generalmente considerato un dispositivo IoT e nessuno dei due è uno smartphone, anche se quest'ultimo è pieno di sensori. Tuttavia, uno smartwatch o una fascia fitness potrebbero essere considerati dispositivi IoT.

 

I progressi nell'apprendimento stanno acquisendo uno straordinario impulso, dallo sviluppo di software specializzato a importanti innovazioni nelle capacità hardware. 

 

Approfondimento: come funziona IOTA criptovaluta e cosa significa per il mercato blockchain >>

 

 

 

 

Qual è la storia dell'internet delle cose o Internet of Things?

 

L'idea di aggiungere il sensore e l'intelligenza agli oggetti di base è stata discussa per tutti gli anni '80 e '90 (e probabilmente ci sono alcuni antenati precedenti), ma a parte alcuni progetti iniziali - incluso un distributore automatico collegato a Internet - i progressi sono stati lenti semplicemente perché la tecnologia non era ancora pronta.

 

I processori che erano abbastanza economici e sufficientemente potenti da essere completamente eliminabili erano necessari prima che diventasse conveniente per connettere miliardi di dispositivi. L'adozione di tag RFID - chip a bassa potenza in grado di comunicare in modalità wireless - ha risolto parte di questo problema, insieme alla crescente disponibilità di Internet a banda larga e di reti cellulari e wireless. 

 

L'adozione di IPv6 - che, tra le altre cose, dovrebbe fornire abbastanza indirizzi IP per ogni dispositivo del mondo è stato anche un passo necessario affinché l'IoT sia scalabile. Kevin Ashton ha coniato la frase "Internet of Things" nel 1999, sebbene ci sia voluto almeno un altro decennio perché la tecnologia raggiungesse una certa popolarità.

 

"L'IoT integra l'interconnessione della cultura umana - le nostre" cose "- con l'interconnessione del nostro sistema di informazione digitale -" Internet ". Questo è l'IoT " ha detto Kevin Ashton.

L'aggiunta di tag RFID a costose apparecchiature per aiutare a tracciare la loro posizione è stata una delle prime applicazioni IoT. Ma da allora, il costo dei sensori e una connessione Internet collegabile a semplici oggetti, ha continuato a diminuire e gli esperti prevedono che questa funzionalità di base potrebbe un giorno costare solo 10 centesimi, rendendo possibile la connessione di quasi tutto a Internet.

 

L'IoT è stato inizialmente più interessante per il business e la produzione, dove la sua applicazione è talvolta conosciuta come machine-to-machine (M2M), ma l'enfasi è ora sul riempire delle nostre case e uffici con dispositivi intelligenti, trasformandolo in qualcosa di rilevante per quasi tutti. I primi suggerimenti per i dispositivi connessi a Internet includevano i "blogjects" (oggetti che blog e registravano dati su se stessi su Internet), l'ubiquitous computing (o "ubicomp"), l'informatica invisibile e l'elaborazione pervasiva. 

 

Approfondimento: cos'è IOTA e come comprare la criptovaluta dell'Internet delle cose >>

 

 

 

 

Quali sono le previsioni per l'IoT - Internet of Things?

 

Le previsioni per l'internet delle cose sono grandiose: ci sono già cose più connesse delle persone nel mondo. L'analista Gartner calcola che nel 2017 sono stati utilizzati circa 8,4 miliardi di dispositivi IoT, in aumento del 31% rispetto al 2016, che probabilmente raggiungerà 20,4 miliardi entro il 2020. La spesa totale per endpoint e servizi IoT raggiungerà quasi 2 trilioni di dollari nel 2017, con due terzi di quei dispositivi trovati in Cina, Nord America e Europa occidentale, ha detto Gartner.

 

Di questi 8,4 miliardi di dispositivi, più della metà saranno prodotti di consumo come smart TV e altoparlanti intelligenti. I dispositivi IoT aziendali più utilizzati saranno i contatori elettrici intelligenti e le telecamere di sicurezza per uso commerciale, secondo Gartner.

 

Un altro analista, IDC, dice che la spesa mondiale per l'IoT si assesterà a 772,5 miliardi di dollari nel 2018 - quasi il 15% dei 674 miliardi di dollari che saranno spesi nel 2017. IDC prevede che la spesa totale raggiungerà 1 trilione di dollari nel 2020 e $ 1,1 trilione nel 2021.

 

Secondo IDC, l'hardware rappresenterà la più grande categoria tecnologica nel 2018 con 239 miliardi di dollari in corso su moduli e sensori, con una spesa in infrastrutture e sicurezza. I servizi saranno la seconda più grande categoria tecnologica, seguita da software e connettività.

 

 

Ecco un video che spiega cos'è uno IOTA e come funziona l'IoT:

 

iota criptovaluta come funziona in italiano

 

Approfondimento: come comprare lo IOTA e trarre vantaggio dal IoT >>

 

 

 

 

Quali sono i benefici dell'internet delle cose (IoT) per il settore commerciale e gli affari?

I vantaggi dell'IoT o Internet delle cose, per le aziende dipendono dalla singola implementazione, ma la chiave è che le imprese dovrebbero avere accesso a più dati sui propri prodotti e sui propri sistemi interni e una maggiore possibilità di apportare modifiche di conseguenza.

 

I produttori aggiungono sensori ai componenti dei loro prodotti in modo che possano trasmettere i dati sul rendimento. Ciò può aiutare le aziende a individuare quando un componente è destinato a fallire ea sostituirlo prima che causi danni. Le aziende possono anche utilizzare i dati generati da questi sensori per rendere i loro sistemi e le loro catene di approvvigionamento più efficienti, perché avranno dati molto più precisi su ciò che sta realmente accadendo.

 

"Con l'introduzione di una raccolta e analisi dei dati complete e in tempo reale, i sistemi di produzione possono diventare notevolmente più reattivi", affermano i consulenti McKinsey.

 

L'uso aziendale dell'IoT può essere suddiviso in due segmenti: offerte specifiche del settore come sensori in un impianto di generazione o dispositivi di localizzazione in tempo reale per l'assistenza sanitaria; e dispositivi IoT che possono essere utilizzati in tutti i settori, come climatizzazione intelligente o sistemi di sicurezza.

 

 

 

 

Mentre i prodotti specifici per il settore faranno il loro debutto, entro il 2020 Gartner prevede che i dispositivi cross-industry raggiungeranno i 4,4 miliardi di unità, mentre i dispositivi verticali specifici ammonteranno a 3,2 miliardi di unità. I consumatori acquistano più dispositivi, ma le aziende spendono di più: il gruppo di analisti ha affermato che mentre la spesa per consumi di dispositivi IoT si aggirava intorno ai 725 miliardi di dollari l'anno scorso, le aziende spendono per IoT per 964 miliardi di dollari. Entro il 2020, le spese per le imprese e i consumatori sull'hardware IoT raggiungeranno quasi $ 3 tonnellate.

 

Per IDC, i tre settori che dovrebbero spendere di più in IoT nel 2018 sono la produzione ($ 189 miliardi), i trasporti ($ 85 miliardi) e le utility ($ 73 miliardi). I produttori si concentreranno principalmente sul miglioramento dell'efficienza dei loro processi e del tracciamento delle risorse, mentre i due terzi delle spese IoT attraverso i trasporti andranno al monitoraggio del trasporto merci, seguito dalla gestione della flotta.

 

La spesa per l'IoT nel settore dei servizi pubblici sarà dominata da reti intelligenti per l'elettricità, il gas e l'acqua. IDC investe la spesa in aree IoT inter-settoriali come i veicoli connessi e gli edifici intelligenti, a circa $ 92 miliardi nel 2018.

 

Approfondimento: L'internet of Things in Italia >>

 

 

 

 

Quali sono i benefici dell'Internet delle cose per i singoli consumatori?

L'IoT promette di rendere il nostro ambiente - le nostre case, gli uffici e i veicoli - più intelligenti, più misurabili e più interconnessi. Altoparlanti intelligenti come Amazon's Echo e Google Home semplificano la riproduzione di musica, l'impostazione di timer o l'acquisizione di informazioni. I sistemi di sicurezza domestica semplificano il monitoraggio di ciò che succede dentro e fuori, o per vedere e parlare con i visitatori. 

 

Nel frattempo, i termostati intelligenti possono aiutarci a riscaldare le nostre case prima del nostro rientro, e le lampadine intelligenti possono far sembrare che siamo a casa anche quando siamo fuori.

Guardando oltre la casa, i sensori possono aiutarci a capire quanto potrebbe essere rumoroso o inquinato il nostro ambiente. Automobili autonome e città intelligenti potrebbero cambiare il modo in cui costruiamo e gestiamo i nostri spazi pubblici.

 

Tuttavia, molte di queste innovazioni potrebbero avere importanti implicazioni per la nostra privacy personale.

 

Per i consumatori, la casa intelligente è probabilmente l'aspetto più "reale" in cui è probabile che entri in contatto con l'Internet delle cose, ed è un settore in cui le grandi aziende tecnologiche (in particolare Amazon, Google e Apple) sono in forte competizione.

 

Il più ovvio di questi accessori sono gli altoparlanti intelligenti come Amazon's Echo, ma ci sono anche smart plugs, lampadine, telecamere, termostati e via discorrendo. Ma oltre a mostrare il tuo entusiasmo per i nuovi splendidi gadget, c'è un aspetto più serio delle applicazioni di una casa intelligente. 

 

Possono essere in grado di aiutare a mantenere gli anziani indipendenti e mantenerli nelle loro case più a lungo, rendendo più facile per la famiglia e gli accompagnatori comunicare con loro e monitorare come stanno. Una migliore comprensione di come operano le nostre case e la possibilità di modificare queste impostazioni potrebbe aiutare a risparmiare energia, ad esempio riducendo i costi di riscaldamento.

 

 

 

 

E come siamo con la sicurezza dell'Internet delle cose?

La sicurezza è uno dei maggiori problemi con l'IoT. Questi sensori raccolgono in molti casi dati estremamente sensibili, ad esempio quelli che dici e fai a casa tua. Mantenere quella sicurezza è vitale per la fiducia dei consumatori, ma finora il track record di sicurezza dell'IoT è stato estremamente scarso. Troppi dispositivi IoT danno poca importanza ai concetti di base della sicurezza, come la crittografia dei dati in transito.

 

I difetti del software - persino il stesso codice  - vengono scoperti regolarmente, ma molti dispositivi IoT non hanno la capacità di essere aggiornati, il che significa che sono permanentemente a rischio. Gli hacker ora stanno prendendo di mira attivamente i dispositivi IoT come router e webcam, perché la loro intrinseca mancanza di sicurezza li rende facili da compromettere.

 

Questi "bug" hanno lasciato i dispositivi domestici intelligenti come frigoriferi, forni e lavastoviglie alla mercè degli hacker. I ricercatori hanno trovato 100.000 webcam che potrebbero essere compromesse con facilità, mentre alcuni smartwatch collegati a internet per bambini sono stati trovati vulnerabili ad attacchi di sicurezza che consentono agli hacker di tracciare la posizione dell'utente, intercettare conversazioni o persino comunicare con l'utente stesso.

 

L'IoT colma il divario tra il mondo digitale e il mondo fisico, il che significa che l'hacking su dispositivi può avere conseguenze pericolose sul mondo reale. L'hacking nei sensori che controllano la temperatura in una centrale elettrica potrebbe ingannare gli operatori nel prendere una decisione catastrofica; prendere il controllo di un'auto senza conducente potrebbe anche finire in un disastro.

Realtà o fantascienza? Cosa ne pensi? Lascia un commento a fine articolo, grazie.

 

Approfondimento: cosa pensano Le Iene del Bitcoin e del mercato delle criptovalute? >>

 

 

 

 

E cosa accade alla privacy dell'Internet delle cose?

Con tutti quei sensori che raccolgono dati su tutto ciò che fai, l'IoT è un enorme problema per la privacy. Prendi per esempio la casa intelligente: può capire quando ti svegli (quando la macchina del caffè intelligente è attivata) e quanto bene ti lavi i denti (grazie al tuo spazzolino intelligente), quale stazione radio ascolti (grazie al tuo altoparlante intelligente), che tipo di cibo mangi (grazie al tuo forno intelligente o al frigorifero), cosa pensano i tuoi bambini (grazie ai loro giocattoli intelligenti), e chi ti visita e passa a casa tua (grazie al tuo campanello intelligente) e così via...

 

Quello che succede a quei dati è una questione di privacy importantissima. Non tutte le società di case intelligenti costruiscono il loro modello di business intorno alla raccolta e alla vendita dei dati, ma alcuni lo fanno e lo faranno di certi. È sorprendentemente facile scoprire molto su una persona da solo alcune letture di sensorii. In un progetto, un ricercatore ha scoperto che analizzando i dati rilevando solo il consumo energetico della casa, il monossido di carbonio e i livelli di anidride carbonica, la temperatura e l'umidità durante il giorno potevano capire cosa stava facendo quella determinata persona per cena.

 

Alcuni degli stessi problemi si applicano alle imprese: il tuo team dirigente sarebbe felice di discutere di una fusione in una sala riunioni dotata di altoparlanti intelligenti e videocamere, ad esempio? Un recente sondaggio ha rilevato che quattro su cinque società non sarebbero in grado di identificare tutti i dispositivi IoT presenti nella loro rete.

 

L'IoT rende il calcolo fisico. Quindi, se le cose vanno male con i dispositivi IoT, ci possono essere grandi conseguenze nel mondo reale - qualcosa che le nazioni che pianificano le loro strategie cibernetiche ora stanno prendendo in considerazione.

 

L'anno scorso, un briefing della comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti ha messo in guardia sul fatto che i "nemici" del paese hanno già la capacità di minacciare la sua infrastruttura critica "come l'ecosistema più ampio di dispositivi connessi al consumo e industriali noti come Internet of Things". I servizi segreti statunitensi hanno anche avvertito che i termostati, le telecamere e i fornelli collegati potrebbero essere utilizzati per spiare cittadini di un altro paese o per causare il caos se fossero violati. L'aggiunta di elementi chiave dell'infrastruttura critica nazionale (come dighe, ponti ed elementi della rete elettrica) all'IoT rende ancora più vitale la sicurezza nell'Internet delle cose.

 

Approfondimento: cos'è la Blockchain e come funziona? Spiegazione facile in italiano >>

 

L'IoT genera grandi quantità di dati: dai sensori collegati a parti di macchine o sensori ambientali, o alle parole che gridiamo ai nostri altoparlanti intelligenti. Ciò significa che l'IoT è un creatore e generatore significativo di nuovi dati, perché consente alle aziende di creare vasti set di dati e analizzarli. 

 

Dare al produttore una grande quantità di dati su come i suoi componenti si comportano in situazioni reali può aiutarli a migliorare molto più rapidamente, mentre i dati raccolti dai sensori di una città potrebbero aiutare i pianificatori a rendere più efficiente il flusso di traffico.In particolare, l'IoT fornirà grandi quantità di dati in tempo reale. 

 

Cisco calcola che le connessioni machine-to-machine che supportano le applicazioni IoT rappresenteranno più della metà del totale di 27,1 miliardi di dispositivi e connessioni e rappresenteranno il 5% del traffico IP globale entro il 2021.

 

 

 

 

L'Internet delle cose e le città intelligenti

Diffondendo un vasto numero di sensori su una città o una città, i pianificatori possono avere un'idea migliore di ciò che sta realmente accadendo, in tempo reale. Di conseguenza, i progetti di città intelligenti sono una caratteristica fondamentale dell'IoT. Le città generano già grandi quantità di dati (da telecamere di sicurezza e sensori ambientali) e già contengono grandi reti di infrastrutture (come quelle che controllano i semafori). I progetti IoT mirano a connetterli e quindi aggiungere ulteriori informazioni nel sistema.

 

Ci sono piani per coprire le isole Baleari in Spagna con mezzo milione di sensori e trasformarlo in un laboratorio per progetti IoT, per esempio. Uno schema potrebbe coinvolgere il dipartimento dei servizi sociali regionali utilizzando i sensori per aiutare gli anziani, mentre un altro potrebbe identificare se una spiaggia è diventata troppo affollata e offrire alternative ai nuotatori.

 

In un altro esempio, AT & T sta lanciando un servizio per monitorare infrastrutture come ponti, strade e ferrovie con sensori abilitati LTE per monitorare i cambiamenti strutturali come crepe e inclinazioni.

 

La capacità di comprendere meglio come funziona una città dovrebbe consentire ai pianificatori di apportare modifiche e monitorare come questo migliori la vita dei residenti.

 

Le grandi aziende tecnologiche considerano i progetti di città intelligenti un'area potenzialmente enorme, e molti - tra cui operatori mobili e aziende di networking - si stanno ora posizionando per essere coinvolti.

 

 

 

 

Come si collegano i dispositivi dell'Internet delle cose?

I dispositivi IoT utilizzano una varietà di metodi per connettere e condividere dati: case e uffici utilizzeranno Wi-Fi standard o Bluetooth Low Energy (o anche Ethernet se non sono particolarmente mobili); altri dispositivi useranno LTE o anche connessioni satellitari per comunicare. 

 

Tuttavia, il vasto numero di opzioni diverse ha già portato alcuni a sostenere che gli standard di comunicazione IoT devono essere accettati e inter connessi come il wi-fi oggi.

 

Una tendenza probabile è che, mentre l'IoT si sviluppa, potrebbe essere che meno dati verranno inviati per l'elaborazione nel cloud. Per contenere i costi, è possibile eseguire più elaborazioni sul dispositivo con solo i dati utili inviati al cloud, una strategia nota come "edge computing".

 

 

 

 

Quali saranno le previsioni per l'IoT?

Poiché il prezzo dei sensori e delle comunicazioni continua a scendere, diventa conveniente aggiungere più dispositivi all'IoT, anche se in alcuni casi i vantaggi per i consumatori sono poco evidenti. 

 

Con il continuo aumento del numero di dispositivi connessi, i nostri ambienti di vita e di lavoro si riempiranno di prodotti intelligenti, supponendo che siamo disposti ad accettare i compromessi sulla sicurezza e sulla privacy. 

 

Alcuni daranno il benvenuto alla nuova era delle cose intelligenti. Altri rimpiangeranno quei giorni in cui una sedia era semplicemente una sedia...

 

 

 

 

Reviews System WIDGET PACK