Petro criptovaluta Venezuela quotazione valore tempo reale [2020]

petro venezuela criptovaluta come funziona

Il Venezuela lancia la prevendita di una nuova valuta digitale supportata dalle materie prime.

 

In questa guida spieghiamo come funziona.

 

Colpo di Stato in Venezuela!!!

 

E il Petro criptovaluta quanto vale?

 

Questa guida è in aggiornamento continuo 2020.

 

Il Venezuela ha ufficialmente lanciato la pre-vendita della sua nuova moneta digitale chiamata Petro criptovaluta Venezuela.

 

"Petro è nato e avremo un successo totale per il benessere del Venezuela", ha dichiarato il presidente Nicolas Maduro pochi giorni fa. Secondo Maduro, Petro ha raccolto 735 milioni di dollari nel suo primo giorno di prevendita.

 

Il lancio della cosiddetta "criptovaluta" arriva mentre il Venezuela affronta una crisi economica e politica sempre più profonda.

 

Secondo il governo, il petro è sostenuto da petrolio, gas, oro e diamanti e ha lo scopo di aiutare a superare le sanzioni statunitensi e dell'Unione Europea.

 

Ecco cosa sappiamo della nuova criptovaluta petro venezuela.

 

 

  • L'idea per il petro criptovaluta venezuela proveniva da Hugo Chavez, che aveva previsto una "moneta forte sostenuta da materie prime", secondo il libro bianco (white paper) del governo sul petro.
  • Annunciato a dicembre 2017, il petro ha lo scopo di integrare la valuta del Venezuela bolivar fuerte (VEF) e contribuire a superare le sanzioni statunitensi.
  • Petro sarà "pre-minato", cioè il governo lo produrrebbe e lo controllerebbe.
  • Il Venezuela ha stanziato cinque miliardi di barili di petrolio per sostenere la sua nuova moneta digitale, che sarà legata al costo di un barile di petrolio venezuelano.

 

Approfondimento: La lista nera (black list) delle criptovalute truffa: AMF e FSMA >>

 

 

 

 

petro criptovaluta venezuela presidente maduro
  • Inizialmente, il petro sarà venduto in valuta forte e altre criptovalute, non nella valuta bolivar locale.
  • "La prevendita e l'offerta iniziale saranno fatte in valute forti e in criptovalute", ha detto a gennaio 2018 alla televisione di stato Carlos Vargas, il sovrintendente della criptovaluta governativa.
  • Vargas ha anche detto che dopo la vendita iniziale, il petro potrebbe essere venduto in cambio del bolivar.
  • Il 23 marzo, il presidente Maduro ha annunciato che "tutti i cittadini e le aziende potranno acquistare" petro criptovaluta venezuela "su un sito web specializzato con yuans, rubli, lire turche ed euro, nonché con criptovalute come Bitcoin, Ethereum e NEM".

 Approfondimento: Coinmarketcap cos'è come funziona? Criptovalute emergenti lista >>

 

 

 

 

Credits TeleSur

 

  • A prezzi correnti (62 dollari al barile) 100 milioni di petroli potrebbero contribuire a raccogliere circa 6 miliardi di dollari. Il governo sostiene che questo potrebbe aiutare il Venezuela a pagare parte degli obblighi del paese.
  • Il ministro venezuelano del commercio estero, Jose Vielma Mora, ha annunciato che il Venezuela pagherebbe le importazioni dal Brasile usando la criptovaluta.
  • "Un gruppo di società brasiliane ha accettato di ricevere il pagamento per la vendita di cibo in Venezuela, tramite petro, a partire dal 20 febbraio, quando inizia la prevendita della criptovaluta", ha aggiunto Vielma Mora.
  • Il Brasile non ha commentato pubblicamente l'uso pianificato del Venezuela da parte del Petro.
  • L'Assemblea nazionale controllata dall'opposizione si è opposta all'idea del petro, etichettandola come illegale.
  • Il presidente Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo escludendo qualsiasi transazione finanziaria con sede negli Stati Uniti che coinvolga la nuova petro criptovaluta del Venezuela, mentre i funzionari statunitensi hanno avvertito che si trattava di una "truffa" del governo del presidente Nicolas Maduro per minare ulteriormente la democrazia nel paese dell'OPEC.
  • La Russia ha aiutato il Venezuela a lanciare la sua Petro criptovaluta per aggirare le sanzioni statunitensi

Approfondimento: Bitcoin bolla speculativa finanziaria o investimento sicuro? >>

 

 

 

 

petro criptovaluta venezuela

 

La criptovaluta venezuelana, petro, è una "joint-venture seminascosta" tra funzionari venezuelani e russi e uomini d'affari, secondo un nuovo rapporto del Time. Il petro, che è andato in prevendita per la prima volta il 20 febbraio, è la prima criptovaluta al mondo supportata dallo stato. Il suo valore è legato alle riserve petrolifere del paese. 

 

Fonti hanno detto al Time che lo scopo del petroliero era quello di erodere il potere delle sanzioni statunitensi. Il presidente venezuelano Nicolás Maduro si è riferito in precedenza al petro come "kryptonite" e al governo degli Stati Uniti come "Superman".

 

Un dirigente di una banca statale russa ha detto a Time che alti consiglieri del Cremlino hanno supervisionato lo sviluppo del petro e che il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il progetto nel 2017. "Persone vicine a Putin, gli hanno detto che questo è come evitare il sanzioni ", ha detto il dirigente al Time. "È così che è iniziato tutto."

 

All'inizio di questa settimana, l'amministrazione Trump ha emesso un ordine esecutivo che proibiva ai cittadini statunitensi di acquistare il petro, che Maduro spera di raccogliere 6 miliardi di dollari e contribuire a sostenere l'economia fallimentare del paese.

 

La valuta del Venezuela, la bolívar, ha sofferto di iperinflazione a causa della cattiva gestione del governo e delle sanzioni statunitensi. Gli Stati Uniti hanno anche congelato beni di quattro attuali ed ex funzionari del governo venezuelano.

 

Il ministro del Tesoro Steven Mnuchin ha detto in una dichiarazione lunedì:

"Il presidente Maduro decimò l'economia venezuelana e stimolò una crisi umanitaria. Invece di correggere la rotta per evitare ulteriori catastrofi, il regime di Maduro sta tentando di eludere le sanzioni attraverso la moneta digitale Petro - una manovra che l'Assemblea nazionale del Venezuela eletta democraticamente ha denunciato e il Tesoro ha ammonito le persone statunitensi ad evitare ".

 

Le criptovalute potrebbero essere una forma efficace di sanzionare le sanzioni. Il tempo riporta che la Russia ha lanciato l'idea di creare una versione digitale del rublo, ma la banca centrale russa ha affermato che rischierebbe di destabilizzare il rublo stesso.

 

"Così la Russia ha fatto la sua fortezza qui in Venezuela", ha detto Armando Armas, membro dell'opposizione del parlamento venezuelano, l'Assemblea nazionale. "Ora usano il Venezuela come cavia per il loro esperimento."

 

Approfondimento: 5 migliori broker criptovalute italiani per trading bitcoin 2020 >>

 

 

 

 

 

La quotazione del Petro non viene fornita da CoinMarketCap, qui puoi leggere come funziona e quali sono le alternative affidabili per rimanere aggiornato nel mercato Crypto.

 

Per avere una quotazione ufficiale del Petro Venezuelano che dovrebbe valere attorno ai 60$.

 

Purtroppo non c'è nessuna exchange che lo quoti ufficialmente.

 

Ricordiamo che il Presidente Venezuelano Maduro aveva dichiarato che la copertura del Petro è il prezzo di 1 barile di petrolio (fonte ilSole24Ore) e che tutti i Petro Coin sono coperti dalla produzione petrolifera in Venezuela.

 

 

 

 

Il governo venezuelano inizierà a mettere all'asta la sua nuova petro criptovaluta alle compagnie private attraverso la sua piattaforma di scambio di valuta Dicom fra poche settimane, ha detto il vicepresidente Tareck El Aissami martedì.

 

Il vicepresidente del Venezuela Tareck El Aissami parla durante un incontro con i ministri a Caracas, in Venezuela, il 6 marzo 2018. 

 

Il mese scorso il paese dell'OPEC ha iniziato a vendere il nuovo token digitale, che il presidente Nicolas Maduro avrebbe sostenuto con riserve di petrolio, in una vendita privata agli investitori. Maduro dice che il petro aiuterà a coprire le sanzioni finanziarie statunitensi.

 

I critici dell'opposizione chiamano il petro un problema di debito illegale, e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha avvertito che potrebbe violare le sanzioni e quindi costituire un rischio legale per gli investitori.

 

"Il petro sarà messo all'asta su Dicom", ha detto El Aissami in un incontro con uomini d'affari trasmessi dalla televisione di stato, aggiungendo che le aziende saranno in grado di utilizzare i petroli per pagare le importazioni di materie prime.

 

Il vicepresidente del Venezuela Tareck El Aissami (C) parla durante un incontro con i ministri a Caracas, in Venezuela, il 6 marzo 2018.

 

"Il petro sarà la nostra potente valuta internazionale, sopra il dollaro."

 

Non è immediatamente evidente se e come il petro possa funzionare come valuta estera o come potrebbe aiutare le imprese venezuelane nelle transazioni commerciali internazionali.

 

È improbabile che le società straniere lo accettino come pagamento, dati i dubbi legali che lo circondano, e pochi investitori hanno annunciato pubblicamente di averlo acquistato.

El Aissami ha anche invitato le banche locali a comprare il petro con uno sconto durante la fase preliminare, che termina il 20 marzo.

 

Durante questa fase, i petro criptovaluta venezuela possono essere acquistati con "dollari, euro o qualsiasi altra valuta", ha detto, e possono essere detenuti dalle banche come patrimonio nei loro bilanci.

 

Approfondimento: quanto valgono le criptovalute, ecco le quotazioni in tempo reale >>

 

 

 

 

Un ordine esecutivo impedisce l'uso di qualsiasi criptovaluta venezuelana emessa dal 9 gennaio, compreso il petro lanciato di recenteIl presidente venezuelano, Nicolás Maduro, in una conferenza stampa per la criptovaluta del 20 febbraio. 

 

Ha detto che il petro ha raccolto 735 milioni di dollari nel primo giorno. 

 

L'amministrazione Trump ha vietato l'uso da parte degli americani della criptovaluta venezuelana, affermando che la sua introduzione è destinata a coprire le sanzioni statunitensi. Con una mossa separata, l'amministrazione ha anche schiaffeggiato le sanzioni contro quattro attuali ed ex funzionari venezuelani accusati di corruzione e cattiva gestione.

 

Approfondimento: quali sono le migliori piattaforme di criptovalute regolamentate >>

 

 

 

 

In un ordine esecutivo che è entrato in vigore immediatamente, Donald Trump ha dichiarato illegali tutte le transazioni statunitensi relative a valute digitali, monete o gettoni venezuelani. Il divieto si applica a tutte le persone e le società soggette alla giurisdizione degli Stati Uniti.

 

A febbraio, il Venezuela a corto di soldi è diventato il primo paese a lanciare la propria versione di bitcoin, il petro, in una mossa che Nicolás Maduro ha celebrato mettendo il suo paese all'avanguardia tecnologica mondiale.

 

Nell'ordine esecutivo, Trump ha detto che la valuta era un "tentativo di aggirare le sanzioni statunitensi" imposte per il ritorno democratico.

 

Il ministero del tesoro aveva detto a gennaio che il petroliere sembrava essere un'estensione del credito al Venezuela e ha avvertito che le transazioni potrebbero violare le sanzioni statunitensi.

 

Il petro è sostenuto dalle riserve petrolifere del Venezuela, le più grandi del mondo, eppure è arrivato sul mercato mentre il paese socialista sprofonda più in profondità in una crisi economica caratterizzata da un'impennata dell'inflazione e da carestie alimentari che costringono i residenti in fila per ore ad acquistare prodotti.

 

Approfondimento: Cambio BTC EUR: Quanto vale un bitcoin in euro? Quotazione tempo reale >>

 

 

 

 

Maduro aveva annunciato alla fine dell'anno scorso che stava creando la moneta digitale per sconfiggere le sanzioni statunitensi che impedivano al Venezuela di emettere nuovi debiti.

 

Bitcoin e altri token digitali sono già ampiamente utilizzati in Venezuela come copertura contro l'iperinflazione e un meccanismo facile da usare per pagare di tutto, dalle visite mediche ai viaggi di nozze in un paese in cui ottenere valuta forte richiede transazioni nel mercato nero illegale.

 

Il governo ha promesso che i venezuelani saranno in grado di utilizzare le monete da $ 60 per pagare le tasse e per i servizi pubblici. 

 

Ma con il salario minimo venezuelano che si aggira intorno ai $ 3 al mese, è improbabile che i cittadini comprino grandi quantità.

 

Nella sua dichiarazione di lunedì, il Tesoro ha detto che sta colpendo i quattro attuali ed ex funzionari venezuelani con sanzioni che congelano qualsiasi patrimonio che potrebbero avere nelle giurisdizioni statunitensi e impediscono agli americani di fare affari con loro.

 

Leggi come funziona la piattaforma eToro >>

 

Come funziona Plus500 truffa o no? >>

 

Si dice in giro che a gennaio 2020 circa 6-8 milioni di venezuelani abbiano ricevuto dal governo mezzo Petro a testa.

 

Ora molti cercano di venderlo per metà del prezzo ufficiale.

 

 

 

 

petro maduro emissione in banco de venezuela

 

Maduro, il presidente successore di Chavez del Venezuela, ha ordinato al Banco de Venezuela di dare accesso, per i propri clienti, a Petro criptovaluta a luglio 2019. 

 

L'annuncio è stato dato tramite un Tweet dall’account ufficiale del Ministero delle Finanze venezuelano.   

 

Non ci sono altri dettagli per quanto riguarda Petro e quando avverrà l'immissione a mercato del governo venezuelano, che, secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe avere come collaterale le riserve petrolifere del paese.   

 

Alcune fonti parlano di bufala del governo che è a corto di soldi per mantenere in piedi l'apparato burocratico del Paese.

 

Maduro ha inoltre ordinato alle banche che operano nel paese di commercializzare i token, sia per gli scambi nazionali che per quelli internazionali.   

 

Anche i passaporti venezuelani saranno emessi dietro pagamento di Petro: per ottenere il passaporto venezuelano si potrà pagare in criptovaluta Petro, cosa che dovrebbe garantirne, in piccole quantità, una certa circolazione della criptomoneta.   

 

In realtà dietro questa misura si potrebbe celare la volontà di rendere difficile l’accesso ai passaporti ad una popolazione che continua a fuggire dal paese a ritmi sostenuti.   

 

I Petro, lo ricordiamo, non sono ancora accessibili per nessuno e dunque non è chiaro, almeno per il momento, come dovrebbe essere possibile pagare con una valuta che non si può acquistare.   

 

Pare che anche il sistema pensionistico potrebbe essere pagato in Petro.

 

 

 

 

Nicolás Maduro, il presidente del Venezuela, ha annunciato che il bonus di Natale destinato ai pensionati sarà corrisposto nella criptovaluta nazionale: il Petro.

 

La notizia è stata riportata sulla stampa locale, e qui ti riportiamo il tweet del giornale venezuelano.

 

Per di più non è la prima volta che il Venezuela prova a dare dei Petro ai pensionati.

 

A dicembre dello scorso anno, infatti, il Venezuela ha convertito in automatico i bonus annuali dei pensionati in Petro.

 

Ma saranno in grado di utilizzarli?

 

È una bufala?

 

Non pare dato che a dicembre molti lavoratori e pensionati, si parla di circa 6 milioni di persone, abbiano ricevuto mezzo Petro.

 

La conferma sulla distribuzione del Petro Coin l'abbiamo letta qui.

 

Ecco il post tradotto in italiano:

 

"Ciao ragazzi,

Settimane fa il governo ha trasferito 0,5 PTR (Petro) agli impiegati pubblici e ai pensionati. Sostengono di aver raggiunto 6 milioni di venezuelani.

Secondo il governo, il Petro si comporta più come un cripto asset che un cryptocoin, hanno "bloccato" il valore a 60 USD.

La maggior parte delle persone non sapeva cosa fare con il Petro, c'è stata una "apertura" dove hanno una sorta di POS che è stato in grado di accedere al Petros solo usando la tua impronta digitale (si chiama Biopago), quando la gente ha appreso questa notizie erano tutti nei negozi che usavano quel Biopago per scambiare Petro per fare acquisti con 30 USD (0,5 PTR) di valore.

Ma dopo alcuni giorni, il governo ha disabilitato quel metodo perché il tasso di cambio USD / Bs. (bolivares) ha iniziato a salire. C'era un altro modo di usare il petros, usando un vero e proprio portafoglio (chiamato PetroWallet o PetroBilletera), anch'esso disabilitato dopo qualche tempo.

Puoi andare agli exchange "autorizzati dal governo", alcuni offrono il modo di scambiarli, dato che si tratta del mercato libero e più persone vogliono vendere di quelle che vogliono acquistare, il prezzo è sceso a 1 PRT intorno a 30 USD ( 50%), ovviamente a un governo socialista non piace questo, dicono che il suo prezzo DEVE essere di 60 USD.

Alcune persone usano anche Localbitcoin per scambiare Petros, ma al prezzo di mercato reale (30 USD per unità) e non 60$.

Il salario minimo (che viene guadagnato da una grande parte della popolazione, non come gli altri paesi) è di 250.000 bolivares salario (che sono meno di 3 USD) + 200.000 Bs. bonus alimentare (meno di 3 USD) AL MESE. Aumentato da 150.000 Bs. e 150.000 Bs.

La banconota più grande è di 50.000 b. che vale circa 1 USD. Per pagare qualsiasi cosa devi utilizzare debito e credito, bonifico bancario, criptovalute e USD.

Qui in Venezuela la situazione è davvero difficile, alcune persone non credono che l'importo sia il salario MENSILE minimo. Lavoro e guadagno più di così (comunque, l'importo è davvero basso, sono sicuro che con quell'importo vivrei senza tetto in Colombia, Perù o Panama per esempio), di solito ricevo alcune donazioni dai redattori e faccio un lavoro indipendente (traduzione principalmente) ed è davvero difficile tenere il passo quotidianamente.
AMA."

 

 

Un post su Reddit lo conferma e ora moltissimi si stanno rivolgendo all'exchange LocalBitcoins per rivenderlo addirittura a metà prezzo.

 

Il cambio petro dollaro dovrebbe attestarti attorno ai 60$ ma ora tutti lo stanno svendendo a 30$.

 

 

 

 

Reviews System WIDGET PACK

Scrivi commento

Commenti: 0