· 

La caduta delle ICO 2018 il 44 percento in meno di fondi raccolti

la caduta delle ico 2018 meno 44 percento di fondi raccolti

Ciao e grazie di leggerci! In questa guida ti parleremo delle ICO 2018 e di come stanno perdendo terreno come modalità di investimento.

 

Uno degli argomenti più discussi nel settore delle quotazioni criptovalute è la controversa Initial Coin Offerings (ICO 2018). Il concetto ha attirato molta attenzione, poiché sempre più ICO sconosciute entrano nel mercato ogni mese e raccolgono centinaia di milioni di dollari, un evento in precedenza sconosciuto.

 

Tuttavia, uno studio mostra un significativo rallentamento per quanto riguarda il denaro raccolto dalle piattaforme ICO 2018 e l'inizio di quest'anno ha raggiunto i livelli più bassi in assoluto.

 

Leggi anche: 

 

 

 

 

Il saliscendi delle ICO 2018

Un'indagine di ICOData (www.icodata.io/stats/2018) suggerisce che il punto più basso per i finanziamenti ICO, nel 2018, è stato registrato nell'aprile 2018. 

 

Sono stati raccolti in Aprile 2018 un totale di 543 milioni di dollari con un calo del 44% rispetto al mese precedente. Questo movimento è un trend costante iniziato all'inizio di quest'anno.

 

 

fondi raccolti nel 2018 nelle ICO
fondi raccolti nel 2018 nelle ICO

 

 

Tuttavia, se diamo una rapida occhiata alle stesse informazioni, però del 2017, esse mostrano un'immagine molto diversa:

 

 

Fondi raccolti nel 2017 nelle ICO
Fondi raccolti nel 2017 nelle ICO

 

 

Nel 2017 sono stati lanciati ben 871 ICO, il che indica che i primi quattro mesi del 2018 hanno visto il 75% del numero totale di ICO nell'anno precedente. 

 

Con un aumento del numero di ICO e una diminuzione della quantità di denaro raccolto, possiamo evocare diversi segnali di attenzione.

 

In primo luogo, gli ICO potrebbero aver perso la loro popolarità, e questo potrebbe essere alimentato dal numero di ICO truffa e progetti poco performanti, che alla fine causano una perdita per l'investitore.

 

Anche dopo aver raccolto milioni di dollari, manca un prodotto funzionante e, per peggiorare le cose, le statistiche dicono che circa il 50% dei progetti ha fallito nel post-finanziamento.

 

In secondo luogo, l'elevata offerta di ICO 2018 può portare a una minore domanda da parte degli investitori - un classico esempio della legge economica della domanda e dell'offerta - poiché la maggior parte degli investitori potrebbe non essere disposto a investire in ogni ICO che viene lanciata, un fattore non considerato dalle imprese che scelgono di condurre un ICO nel 2018.

 

Leggi anche: Hodly IQ Option portafoglio comprare vendere criptovalute (guida) >>

 

 

 

 

Una corsa al rialzo potrebbe alimentare l'Hype delle ICO 2018

Rimane comunque l'interesse e gli ICO saranno ancora organizzate di certo per promuovere il finanziamento degli obiettivi futuri. 

 

Noi crediamo fermamente che il denaro non possa sostituire una squadra competente e questo è particolarmente vero quando si parla di ICO.

 

Inoltre, l'impennata dei finanziamenti ICO ha raggiunto il massimo mai toccato a dicembre 2017, un mese caratterizzato dalla crescita storica del bitcoin a quasi $ 20.000, insieme ad un market cap totale di criptovalute che ha raggiunto un valore di 800 miliardi di dollari.

 

Molti investitori si stanno affrettando ad acquistare criptovalute, seguendo il consiglio di personalità più o meno dubbie e truffaldine dei social media di investire in altcoin meno conosciuti e rischiose ICO.

 

Fondamentalmente, è possibile che il "clamore" e i potenziali 10x di ritorno abbiano portato ad un aumento delle ICO. Una simile bolla del 2018 potrebbe effettivamente portare a risultati diversi nel grafico statistico "Fondi raccolti nel 2018" alla fine del 2018.

 

È tutta colpa dei governi che vogliono vietare le raccolte di denaro con le ICO?

 

La somma esorbitante di 100 milioni di dollari è stata raccolta da un bel po' di società con il meccanismo della ICO. Tuttavia, la massiccia raccolta di fondi ha fatto risuonare delle campane d'allarme ai regolatori e ai funzionari delle finanze di tutto il mondo, inducendoli a prendere provvedimenti contro le ICO in diversi Paesi nel mondo.

 

Gli ICO sono sotto esame in tutto il mondo. Il concetto di raccolta fondi è soggetto a un divieto nei paesi asiatici della Cina e della Corea del Sud, entrambi con un interesse significativo degli investitori in criptovalute. 

 

Pare però che la Corea del Sud abbia annunciato di invertire il divieto imposto dalla ICO il 13 marzo 2018.

 

Nell'emisfero occidentale, gli Stati Uniti mantengono ancora una visione cauta delle ICo, con il SEC che reprime e viete le ICO negli USA. 

 

A causa di ciò, un certo numero di ICO e Crypto Exchange non offrono i loro token e servizi, rispettivamente, ai cittadini americani.

 

Leggi anche: Cos'è la tecnologia Blockchain come funziona (guida principianti) >>

 

 

 

 

ICO 2018 fallimentari

Come già detto nei nostri precedenti articoli, truffe a parte, le ICO possono anche dar vita a clamorosi flop. Ecco alcuni casi di pseudo truffe che hanno fatto storia (non proprio truffe, ma comunque i soldi sono finiti...):

  • Tether
  • EOS
  • Civic
  • Tezos
  • Gnosis
  • Tenx
  • Bancor

 

 

 

 

ICO truffa: il caso Coindash

Un caso di ICO truffa ha invece riguardato la ICO Coindash. Diciamo però che non è stata architettata dai suoi ideatori, bensì da alcuni hacker che sono riusciti a rapinare gli investitori.

 

In sostanza il sito web dove Coindash annunciava la propria raccolta fondi è stato hackerato.

 

i furbetti sviluppatori hacker si sono portati via l’equivalente di 7 milioni di dollari. Ma come ci sono riusciti?

 

Sostituendo la pagina web originale con un’altra del tutto simile e su cui hanno rimpiazzato l’indirizzo su cui mandare gli Ether destinati a Coindash.

 

Furbi eh?

 

Gli utenti ignari hanno versato soldi ad un indirizzp sbagliato, falso.

 

Uguale, uguale a quella creata per la raccolta fondi in favore del progetto.

 

Sono stati quindi rubati un totale di oltre 43mila Ether.

 

Coindash ha chiuso la propria ICO al pubblico e ha spiegato quello che è successo.

 

Sul proprio sito ufficiale, Coindash ha fatto sapere di aver comunque raccolto 6,4 milioni di dollari prima del furto e che porteranno comunque avanti il progetto. Inoltre, si sono ripromessi di restituire il denaro a chi si è fatto fregare.

 

Leggi anche: Blockchain come funziona cos'è spiegazione significato in italiano >>

 

 

 

 

Il ruolo dell’ICO – Initial Coin Offering

L’Initial Coin Offering è uno strumento rivoluzionario nel mondo delle raccolte fondi, perché permette di andare oltre alle rigide regole dei processi di valutazione tradizionalmente seguiti da fondi di investimento, istutitui di credito e banche.

 

È importante capire concretamente di cosa si sta parlando. 

 

In questo articolo abbiamo parlato delle ICO 2018 e di cosa sono.

 

Le ICO consistono nella vendita di token da parte di una società che ha sviluppato o vuole sviluppare una soluzione Blockchain, in cambio di un’altra criptovaluta, di solito ether. 

 

In grande sintesi questi token possono essere considerati come alle azioni di un’impresa che vengono vendute agli investitori nel caso di una IPO (Initial Public Offering) e, esattamente come accade per le azioni, vengono distribuiti per essere scambiati sui mercati in criptovalute, e veder crescere o calare il loro valore nominale sulla base dei risultati della società e anche dall’andamento della criptovaluta oggetto dell'ICO.

 

 

 

 

Quali sono gli obiettivi ICO 2018

L’ICO ha un vero e proprio obiettivo di raccolta e, nel caso in cui sia raggiunto nel periodo previsto, i fondi vengono utilizzati per portare avanti il progetto dichiarato nel whitepaper iniziale.

 

Nel caso in cui i fondi raccolti non dovessero raggiungere il livello minimo necessario, questi vengono, in teoria, restituiti agli investitori e in questa eventualità l’ICO viene considerata fallita.

Le ICO non sono regolamentate, perchè si parla di un mercato che è al di fuori di ogni regolamentazione per la raccolta di capitali da parte di startup.

 

Il meccanismo delle ICO è esposto alla possibilità che il soggetto emettitore abbia in realtà scopi fraudolenti e criminali.

 

Una truffa che si è verificata in diverse occasioni è la cosiddetta “Pump & Dump”, in cui il valore del token viene gonfiato artificialmente tramite dichiarazioni molto positive sul progetto, con l’obiettivo di vendere i token acquisiti a un prezzo più alto.

 

Una volta che i token sono venduti, il prezzo crolla e gli investitori perdono tutti loro soldi.

A causa di situazioni come questa, regolatori come la SEC americana e la FCA inglese hanno segnalato agli investitori che le ICO sono particolarmente pericolose e speculative, essendo esposte a truffe e non offrono alcuna protezione agli investitori.

 

La cronaca ci segnala ad esempio che nel settembre 2017 la People’s Bank of China ha ufficialmente vietato le ICO, definendole uno strumento che mette a rischio la stabilità economica e finanziaria, vietando l’utilizzo dei token come moneta di scambio sul mercato e alle banche la possibilità di offrire servizi collegati alle ICO.

 

 

 

 

ICO 2018: vantaggi e rischi

Non bisogna ovviamente fare di tutta l'erba un fascio, perchè ovviamente non tutte le ICO sono truffe.

 

La stessa criptovaluta Ethereum si è finanziata con questo meccanismo nel 2014, raccogliendo 3.700 Bitcoin nelle prime 12 ore, equivalenti a circa 2,3 milioni di dollari.

 

Devi però sapere che si tratta di un investimento ad altissimo rischio perché i progetti finanziati non sono spesso ben calibrati e le remunerazioni possono arrivare (se arrivano) dopo molti anni.

 

Oggi la migliore raccomandazione per valutare la legittimità di una ICO è il cosiddetto Howey Test (consumer.findlaw.com/securities-law/what-is-the-howey-test.html), sistema creato decenni fa, ma ancora attuale da poter essere applicato alle ICO così innovative.

 

Secondo il test adottato dalla SEC americana, una ICO può essere considerato un titolo (come un’azione o un’obbligazione che vengono chiamate "security" legittima a tutti gli effetti quando:

  • l’investimento è in una società quotata
  • c’è un investimento di denaro
  • l’investimento ha una ragionevole prospettiva di profitto
  • ogni profitto deriva dagli sforzi di altri individui, al di fuori del controllo degli investitori.

 

Siamo evidentemente nel campo del buon senso e non può essere considerato un test estremamente affidabile, tuttavia se non si riconoscono tutti questi elementi, meglio stare lontano da quella ICO e investire i propri risparmi altrove!

 

Leggi come utilizzare le piattaforme di Criptovalute per negoziare criptomonete e speculare sul mercato degli asset digitali qui >>

 

 

 

 

Reviews System WIDGET PACK